Home

SEGUI LA PRESENTAZIONE SU YOUTUBE >>>>

LEGGI QUALCHE COMMENTO >>>>

Caro lettore,

è meglio essere subito chiari. Questo libro non è un saggio, non è un racconto, men che meno vi troverai poesia. Il titolo farebbe pensare alla filosofia, ma, ti avverto, anche su questo punto resterai deluso. Non nominerò filosofi né presenterò dottrine filosofiche.

A che gioco giochiamo, allora? Tu prova a leggere e se hai colto qualche significato, mettilo in conto. Prova a rileggere, vedrai che altri significati ti si presenteranno e se, poi, rileggi ancora e interroghi il testo, magari dopo qualche giorno, ne vedrai altri ancora. Ma, puoi fare di più. Invita qualche amico a partecipare al gioco. Potreste avviare qualcosa che non sarebbe improprio chiamare “ricerca filosofica”. Potresti scoprire, allora, che la filosofia che stavi cercando nel testo è, invece, nella tua testa; come chi andava in giro a cercare il suo asino senza rendersi conto di esserci seduto sopra.

 

"Una democrazia è ben più che una forma di governo; essa è in primo luogo una forma della vita associata e di esperienza condivisa e comunicata" (J. Dewey).

EDUCAZIONE DEMOCRATICA

Antonio Cosentino (Intervista)

La Philosophy for children. Che cos'è...

La Philosophy for children rappresenta una delle più significative esperienze pedagogiche contemporanee. Iniziata negli anni ’70 da Matthew Lipman, filosofo di formazione deweyana profondamente interessato a problematiche pedagogiche e fondatore dell’Institute for the Advancement of Philosophy for Children (IAPC), ha avuto ampio seguito e diffusione dapprima negli Stati Uniti e successivamente in tutto il mondo con l’istituzione di numerosi centri e una consolidata sperimentazione del programma... (Leggi tutto).

LA P4C IN CLASSE (Video)

 LA PRATICA FILOSOFICA DI COMUNITÀ

Infatti, insieme si apprendono queste cose, e la verità e la menzogna dell’intera sostanza, dopo gran tempo e con molta fatica, … mentre che ciascun elemento (nomi, definizioni, immagini visive e percezioni), in dispute benevole e in discussioni fatte senza ostilità, viene sfregato con gli altri. (Platone, Lettera VII)